A Catania il Turismo incontra il digitale

Si è concluso a Catania il Tourism Hack, l'hackathon dedicato al mondo del turismo e dei servizi ad esso connessi.

 

Le nuove modalità di accesso alla grande offerta in ambito turistico, il nuovo modo di concepire il turista e i suoi bisogni, i nuovi servizi a sua disposizione, anche in funzione del budget, in un’ottica di personalizzazione totale dell’esperienza.

Questi ed altri temi sono stati al centro della tre-giorni che TIM WCAP e Tree hanno realizzato a Catania lo scorso weekend, durante l’Hackathon “Tourism Hack - The Future of the City”, che ha visto impegnati dal 5 al 7 luglio più di 70 giovani tra informatici, marketer, ingegneri e designer nella creazione di soluzioni innovative relative alle due challange lanciate: Tourism Mobility e Retail Customer Journey.

Dieci team hanno avuto a disposizione le API di TIM e Cisco per affrontare temi quali la realtà virtuale, la computer vision ed il machine learning.

Sono stati progettati servizi per il supporto alla disabilità ed accessibilità dei monumenti, offerte di tour ed esperienze unici e personalizzati, grazie al supporto di guide locali, e ancora soluzioni a supporto delle fasi di acquisto e spedizione di souvenir, direttamente a casa dei turisti, una volta tornati a destinazione.

I tre team vincitori, UnniEmu, Nico e Snapack, si sono aggiudicati un montepremi totale di 10.000 euro e hanno ora la possibilità di portare avanti il progetto, anche grazie al prezioso contributo offerto loro in questi tre giorni dai mentor presenti.

Due premi aggiuntivi ai team Hora Vision e SITe sono stati offerti dal progetto Interreg Italia-Malta Enisie con lo scopo di incoraggiare a portare avanti due idee, nate all’interno di questa competition, che hanno necessità di essere maggiormente sviluppate.

La tre giorni ha visto al suo interno anche una sessione plenaria per la condivisione di esperienze da replicare ed adottare nella città di Catania in un confronto esteso anche al mediterraneo.
TIM ha raccontato come, guardando al 5G con i suoi progetti di ricerca, stia contribuendo in maniera concreta a fornire delle soluzioni innovative per la Smart City del futuro, citando i risultati ottenuti dal progetto Bus as a Sensor ed esortando i partecipanti dell'Hackathon a focalizzare le loro proposte sugli aspetti chiave offerti da questa nuova tecnologia.